© 2019 by Open Innovation

  • Facebook Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • Instagram Icona sociale

Europa e Affari Esteri

Art. 11 - Costituzione italiana

L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.

 La follia delle guerre mondiali ha portato l'umanità alla consapevolezza del valore della vita umana e della pace tra le nazioni. L'unica strada per il progresso è rappresentata dalla pace. Uno sviluppo equo, sostenibile e duraturo può essere raggiunto esclusivamente attraverso il dialogo e la cooperazione internazionale. 

 

Art. 117 - Costituzione italiana

La potestà legislativa e` esercitata dallo Stato e dalle Regioni nel rispetto della Costituzione, nonché dei vincoli derivanti dall’ordinamento comunitario e dagli obblighi internazionali

 

In una società complessa e globale la democrazia deve necessariamente essere multi-livello. Dalle comunità locali fino allo Stato, dall'Unione Europea fino all'Organizzazione delle Nazioni Unite. Ogni sfida richiede decisioni assunte da tutti i soggetti interessati. La crescita economica e la sicurezza finanziaria non può essere raggiunta senza una governance europea. La lotta contro il cambiamento climatico non può esser vinta senza un'azione decisa a livello internazionale.

 

Art. 10 - Costituzione italiana

Lo straniero, al quale sia impedito nel suo paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana, ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge.

Una persona non abbandona mai con gioia la propria casa, la propria famiglia e il proprio Paese. E' spinto dalla costrizione della guerra, dal sopraggiungere di carestie o epidemie o, più in generale, da una condizione di povertà assoluta. Da un lato, dunque, è necessario agire a livello di comunità internazionale affinché vengano meno le cause che originano i flussi migratori, promuovendo pace, sicurezza e sviluppo nelle aree di crisi. Dall'altro è fondamentale bloccare il traffico di esseri umani e costruire canali ufficiali di richiesta di asilo per gli aventi diritto. In ogni caso, non dobbiamo mai dimenticare di essere umani.

1/1